Frigorifero, lo sai usare? - sandwichtime
4933
post-template-default,single,single-post,postid-4933,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Frigorifero, lo sai usare?

Se il frigorifero è necessario tutto l’anno,  con le temperature torride di questi giorni  diventa indispensabile, ma ha le sue regole.

La temperatura

Controlla che sia impostata intorno ai 4-5 °C sulla mensola centrale, le altre zone si “regolano” di conseguenza

I ripiani

Ogni zona ha temperature diverse e, di solito, la più fredda corrisponde alla mensola più bassa, sopra il cassetto per le verdure, mentre la parte meno fredda è nello sportello. Tieni però presente che i frigoriferi di ultima generazione possono avere caratteristiche diverse e consulta le istruzioni.

A ognuno il suo (posto)

Ogni alimento ha la sua “temperatura” ideale e  carne e pesce devono stare nella zona più fredda. La parte centrale è adatta a latticini, creme e gli alimenti da riporre in frigorifero “dopo l’apertura”, mentre nella zona più “calda” ti serve per conservare frutta e verdura. Le uova vanno assolutamente tenute separate da tutto il resto.

Tempi

Stesso discorso per i tempi di conservazione e, a parte gli alimenti che li riportano sulla confezione, tieni presente che pesce e carne macinata vanno consumati entro 24 ore,  il pollame va cucinato entro 48 ore, mentre salumi non confezionati e carni fresche resistono fino a tre giorni.

Non per tutto

Il frigo  può danneggiare alcuni alimenti come banane e frutta esotica in genere, pomodori, fagiolini, cetrioli, zucchine e il pane che diventa raffermo rapidamente con le basse temperature.

Inoltre

Fai sempre raffreddare i piatti cucinati prima di metterli in frigorifero e  tieni separati gli alimenti crudi da quelli cotti.

Scegli contenitori in vetro o materiale plastico con coperchio e assicurati che siano perfettamente puliti prima di usarli.

Pulisci spesso interno e ripiani, anche solo con acqua e bicarbonato o aceto ed evita, in particolare d’estate, le scorte troppo abbondanti perché sovraccaricano il frigorifero, impediscono la circolazione del freddo e aumentano il consumo energetico.